lunedì 10 giugno 2013

Una proteina per la crescita dei capelli


UNA NUOVA SPERANZA PER LA CURA DELLA CALVIZIE: GLI SCIENZIATI SCOPRONO UNA PROTEINA CHE FAVORISCE LA CRESCITA DEI CAPELLI

Non c'è niente che spaventi più un uomo della prospettiva di perdere i capelli. Ma questo segno dell'età che avanza per molti uomini, potrebbe finalmente avere una soluzione.

Attualmente non lo si può considerare un trattamento che aiuti la ricrescita dei capelli negli uomini – solo medicinali come il minoxidil aiutano a tenere lontano ogni ulteriore perdita di capelli –  ma questa nuova ricerca del Department of Dermatology della University of Pennsylvania potrebbe portare alla creazione di un medicinale che potrebbe efficacemente aiutare la ricrescita delle voluttuose ciocche che molti uomini sfoggiavano durante la loro gioventù.
Il team di scienziati ha scoperto un collegamento tra il sistema immunitario e la capacità di far ricrescere i follicoli dei capelli.

Hanno scoperto che un certo tipo di cellula immunitaria chiamata gamma-delta T, produce una proteina, fattore di crescita fibroblasta 9 (Fgf9), che è la chiave della crescita dei follicoli e questo è stato scoperto tramite lo studio della cura delle ferite nei topi da laboratorio.

I ricercatori hanno avuto una conferma di questa ipotesi riducendo l'espressione della Fgf9 e hanno scoperto che la capacità dei topi di far ricrescere i peli diminuiva significativamente. Al contrario, portando avanti l'esperimento opposto, gli scienziati hanno aumentato l'espressione della Fgf9 e hanno scoperto che i topi sviluppavano follicoli da due a tre volte in più. 

Hanno anche scoperto che la Fgf9 interagisce con le cellule che riparano le ferite chiamate fibroblasti, che poi a loro volta producono più Fgf9, creando così un circolo vizioso amplificato e continuo.
“Queste scoperte aiutano a spiegare perché gli esseri umani non rigenerano i peli dopo avere subito delle ferite” dice George Cotsarelis, M.D. Professore del dipartimento di dermatologia. “lo studio dimostra anche quale sia il metodo per curare le ferite e favorire la crescita dei capelli”. 
Gli esseri umani sono privi di un numero significativo di cellule T gamma-delta nella loro pelle rispetto ai topi, e questo ha portato il team di scienziati a riflettere sul perché negli esseri umani non avviene la ricrescita dei peli dopo aver subito una ferita.

Dato che la Fgf9 è una proteina che viene secreta fuori dalle cellule e viaggia verso le altre cellule, e dato che era stata usata sulla pelle dei topi, è possibile che lo stesso trattamento potrebbe funzionare con successo sulle persone. I ricercatori ritengono che usare un elemento chimico che attiva la produzione di Fgf9 o di un altro elemento chiamato Wnt, che è attivato a sua volta dalla Fgf9, potrebbe portare ad ulteriori interessanti ricerche.

La University of Pennsylvania ha registrato dei brevetti riguardanti la ricrescita dei capelli tramite l'uso della Fgf9 e del Wnt. Follica, un'azienda biotecnologica che ha ottenuto l'autorizzazione per l'uso di questa tecnologia, sta eseguendo test preclinici per verificare l'efficacia di questo metodo nella ricrescita dei capelli. In precedenza Follica ha eseguito dei test preliminari usando dei composti di medicinali. L'azienda è stata fondata nel 2007 dal professor George Cotsarelis.

“questa scoperta getta nuova luce sul meccanismo di rigenerazione dei follicoli e apre una nuova strada allo sviluppo di cure della calvizie negli esseri umani. Follica ha sviluppato una piattaforma tecnologica che è in grado di fornire una traduzione clinica di queste nuove scoperte. 

La piattaforma Follica può essere usata per indurre la riepitelizzazione della pele che crea il terreno ideale per far sì che la Fgf9 possa a sua volte potenziare la ricrescita dei peli e dei capelli”.


Follica sostiene che combinando un dispositivo medico che “rompa” la pelle, ed un elemento chimico che incoraggi la ricrescita dei capelli durante la fase di guarigione, si potrebbe ottenere una metodo efficace per la ricrescita dei capelli.

--
fonte:goo.gl/thoiX

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento